Logo del 2Effe Medica Center, il Poliambulatorio di Roma San Pietro 2Effe Medical Center
Poliambulatorio Roma

E’ come sentire un martello che batte ripetutamente su un lato della testa. Così è stata descritta da alcuni la condizione di chi soffre di cefalea emicranica. Luce e rumore diventano insopportabili e l’unico sollievo possibile lo si prova stando al buio e al silenzio. Le cefalee sono un problema diffuso e se non ne abbiamo mai sofferto non possiamo immaginare quanto possono influenzare la qualità della vita di una persona.

Quando si parla di mal di testa, le terminologie “cefalea” ed “emicrania” sono spesso utilizzate in modo intercambiabile, ma rappresentano realtà diverse. In questo articolo, ci concentreremo sulla cefalea emicranica, esplorando le differenze fondamentali tra emicrania e cefalea e considerando il ruolo che può avere il neurologo nell’aiutare a diagnosticare e curare la cefalea emicranica.

Che cos’è la cefalea emicranica?

La cefalea emicranica è una forma di mal di testa che si manifesta principalmente su un lato della testa. L’origine del termine “emicranica” deriva dal greco e significa “metà testa”, a indicare appunto il dolore che colpisce prevalentemente una metà del capo.

Sintomi cefalea emicranica

La cefalea emicranica è una condizione caratterizzato da attacchi di mal di testa intensi e debilitanti che possono essere associati a vari sintomi come nausea, vomito e sensibilità alla luce e ai suoni. In alcuni pazienti affetti da cefalea emicranica, prima dell’insorgere del dolore si sono riscontrati anche una serie di disturbi visivi, sensoriali o motori nel loro insieme denominati “aura”.

Cause e trattamento cefalea emicranica

Stress, cambiamenti ormonali, alimenti e bevande specifici e altri fattori ambientali possono scatenare un attacco di emicrania. La gestione e il trattamento della cefalea emicranica si concentra sulla riduzione dell’intensità e della frequenza degli attacchi attraverso l’uso di farmaci e modifiche dello stile di vita.

Differenza tra emicrania e cefalea

Per comprendere la differenza tra emicrania e cefalea basta dire che ogni emicrania è una cefalea, ma non ogni cefalea è una emicrania. L’emicrania infatti è una sottocategoria specifica delle cefalee. Mentre “cefalea” è un termine generale che si riferisce a qualsiasi tipo di mal di testa, “emicrania” è una forma specifica e spesso più grave di cefalea. Anche se i due termini vengono spesso confusi, presentano caratteristiche distintive.

Natura del dolore

Le cefalee sono in genere caratterizzate da un dolore sordo, costante e oppressivo, mentre le emicranie presentano un dolore pulsante, di solito su un lato della testa.

Durata e intensità

L’emicrania tende ad avere un decorso più lungo, che può durare da alcune ore a giorni, e può essere accompagnata da sintomi come nausea, vomito e sensibilità alla luce o al rumore. La cefalea, d’altra parte, ha spesso una durata più breve e non è associata agli stessi sintomi.

Fattori scatenanti

Mentre la cefalea può essere il risultato di varie cause, come tensione muscolare o affaticamento visivo, l’emicrania può essere scatenata da fattori specifici come l’alimentazione, cambiamenti ormonali o stress.

Cefalea o Emicrania: come può aiutare un consulto neurologico?

Comprendere le sfumature tra cefalea ed emicrania è fondamentale per una diagnosi accurata e un trattamento appropriato. Ma informarsi non basta. Se si sospetta di soffrire di emicranie, è essenziale consultare un medico o un neurologo per una valutazione approfondita e per ottenere consigli su come gestire e trattare al meglio questa condizione.

Diagnosi accurata

Se soffri di frequenti mal di testa o se sospetti di avere emicranie, potresti avvalerti di un consulto neurologico al fine di conoscere la natura, le cause e possibili soluzioni al tuo problema di salute. Il neurologo infatti è specializzato nei disturbi del sistema nervoso e questi includono anche cefalee ed emicranie. Dopo aver esaminato la tua storia clinica, la frequenza, la durata, la localizzazione, l’intensità del dolore e altri sintomi associati, il medico sarà in grado di determinare il tipo esatto di cefalea o emicrania di cui soffri.

Identificazione dei fattori scatenanti

Spesso, emicranie e alcune cefalee hanno specifici fattori scatenanti come certi alimenti, stress, cambiamenti ormonali o privazione del sonno. Un neurologo può aiutarti a identificarli, fornendoti strategie per evitarli o gestirli meglio.

Trattamento personalizzato

Esistono molteplici trattamenti per le cefalee e le emicranie, che vanno dai farmaci preventivi a quelli sintomatici, fino alle terapie alternative. Il neurologo ti consiglierà il trattamento più adatto in base alla tua situazione specifica, garantendo un approccio personalizzato. Un neurologo specializzato in cefalee ed emicranie sarà aggiornato sulle ultime novità e potrà indirizzarti verso le opzioni più avanzate

Monitoraggio e follow-up

La natura e l’intensità delle cefalee e delle emicranie possono cambiare nel tempo. Avere un neurologo di riferimento ti permette di avere un monitoraggio continuo e di adeguare il trattamento se necessario. Soffrire di cefalee frequenti o emicranie può essere davvero stressante. Grazie al supporto di un medico specializzato in neurologia potrai ricevere supporto psicologico e consigli su affrontare l’ansia o lo stress correlato. Soffrire di cefalee o emicranie può avere un impatto significativo sulla qualità della vita di un individuo. Ma con l’aiuto giusto puoi ridurre al minimo tale impatto. Prenota subito un consulto e scopri come tornare a sorridere senza stare al buio.

Prenota ora un consulto con il neurologo, il Dott. Giuseppe Neri per verificare il tuo stato di salute e ricevere consigli su come gestire eventuali patologie.